news

Carlo Smuraglia: “Il reintegro e’ come l’uguaglianza nella Costituzione”

Carlo Smuraglia: “Il reintegro è come l’uguaglianza nella Costituzione”

Andrea Fabozzi   22.03.2012

Senatore, componente del Csm oggi presidente dell’Anpi, Smuraglia è autore di numerose opere sul diritto del lavoro. Memoria storica fondamentale per il paese, avverte: “Stiamo tornando indietro” Partigiano combattente, professore all’Università di Milano, presidente della regione Lombardia, senatore, componente del Csm e oggi presidente nazionale dell’Anpi, Carlo Smuraglia, classe 1923, è soprattutto un maestro del diritto del lavoro. Fondamentale il suo commento allo Statuto dei lavoratori del 1970.

Professore, gli entusiasti di questa annunciata riforma del mercato del lavoro parlano di «fine di un’epoca», l’epoca cioè del «consociativismo». Siamo davvero a un passaggio storico?

Si può parlare di fine di un’epoca ma solo nel senso che si torna indietro. Cancellando a cuor leggero un principio per il quale si è combattuto per anni, e con ragione. L’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori è il frutto di una stagione di lotte, ma anche del fallimento della legge sul licenziamenti del luglio 1966. In quella legge si prevedeva, appunto, che anche nel caso di licenziamento ingiustificato riconosciuto come tale dal giudice, il lavoratore aveva diritto esclusivamente al risarcimento economico. La grande novità dell’articolo 18 fu il diritto al reintegro. Oggi torniamo al ’66.

Quanto fu difficile l’introduzione del principio dell’articolo 18 nello Statuto dei lavoratori?

Ci fu una discussione accesa in parlamento e ci furono forti pressioni contrarie degli industriali, ma fu soprattutto alla luce dell’esperienza precedente che alla fine il ministro Brodolini accettò il principio.
Ma lo Statuto fu votato da socialisti e democristiani, il Pci e il Psiup si astennero. Le loro obiezioni erano sulla seconda parte dello Statuto, quella che riguardava la rappresentanza sindacale. Non sul reintegro per il quale si può dire che non ci fossero più dubbi addirittura dagli anni Cinquanta, dal dibattito seguito al famoso licenziamento per motivi politici del dirigente Fiat Battista Santhià. Ci fu un importante convegno nel 1955 in cui molti giuslavoristi introdussero il tema del reintegro e poi la legge del ’66 e infine lo Statuto. Ci vollero degli anni e molti scioperi, tornare indietro rispetto a tutto questo significa non capire cosa vuol dire riconsegnare al datore di lavoro la possibilità di licenziare a propria discrezione.
Ma la riforma Fornero prevede ancora il reintegro per il licenziamento discriminatorio. Mancherebbe, su quello non ci può essere alcun dubbio. Il licenziamento discriminatorio è un atto nullo per un principio giuridico che non dipende neanche dallo Statuto dei lavoratori, ed è evidente che di fronte a un atto nullo resta in vigore la situazione precedente. Naturalmente la riforma di cui parliamo non dice che il datore di lavoro potrà licenziare a suo piacimento, ma temo che gli effetti saranno questi.

Anche nel caso di licenziamento per motivi economici?

Siamo franchi, quando ci sono delle ragioni economiche reali, una crisi aziendale, si tratta sempre di circostanze oggettive. Ma se il datore di lavoro non riesce a provarle e il giudice stabilisce che il licenziamento è infondato, perché mai non si dovrebbe ripristinare il rapporto di lavoro? Torniamo appunto a prima del ’66: sarà possibile liberarsi di un lavoratore pagando. L’imprenditore deciderà solo sulla base dei suoi costi e dei suoi benefici. E dovremmo aggiungere un altro problema.

Quale?

In molti casi persino il diritto al reintegro nel posto di lavoro si è dimostrato insufficiente, per cui più che smantellarlo si sarebbe dovuto renderlo effettivo. Pensi alla vicenda dei lavoratori Fiat a Melfi che l’azienda si è rifiutata di far tornare al loro posto e capirà come ancora oggi il principio trovi difficoltà di applicazione.
Chi parla della fine di un’epoca lo fa anche con riferimento alla mancata concertazione, anche questo è un passaggio epocale? Mi sorprende che tutti quelli che in questi anni hanno riconosciuto la convenienza della concertazione adesso si rallegrino che sia stata stracciata. Secondo me si tratta di un errore di valutazione, soprattutto da parte del governo che non ricaverà nulla di positivo da questa scelta di rottura. Per venire incontro alle indicazioni di una parte molto liberista dell’Europa, rinuncia alla pace sociale.

La Cgil pagherà l’isolamento?

Dieci anni fa hanno riempito la piazza sull’articolo 18, è impossibile che i lavoratori abbiano cambiato idea. È vero che siamo in crisi ma i principi valgono anche in tempo di crisi. Cominciare a smantellarli è pericoloso perché non si sa mai dove si finisce. È un discorso analogo a quello che si fa sulla Costituzione. Si può cambiare, ma non si può nemmeno immaginare di toccare i principi fondamentali. E l’articolo 18 nel sistema del diritto del lavoro equivale al principio di uguaglianza nella Costituzione.

Brevi riflessioni di Anpi Gallarate, a sostegno di quanto dichiarato dal Presidente Nazionale Carlo Smuraglia:

Abbiamo sostenuto e condiviso con favore l’incarico conferito al Prof. Monti dal Presidente della REPUBBLICA Giorgio Napolitano, per trarre il Paese dal grave handicap economico e sociale in cui il precedente Governo lo aveva indotto. Abbiamo compreso le sue prime mosse politiche internazionali, traendolo dal baratro sul quale era ormai prossimo, e che hanno restituito all’Italia la dignità perduta, ricollocandola nel giusto alveo di un riconoscimento internazionale a fronte dei sacrifici di “lacrime e sangue” imposti non a tutti gli Italiani, ma a quelli che in nessun modo potevano sfuggire all’inevitabile salasso: pensionati, lavoratori dipendenti, e le altre indistinte figure che affollano il variegato mondo del lavoro cosiddetto salariato.

Oggi la misura è colma.

Se l’azione di un governo riformatore deve scagliarsi con una simile violenza legislativa sempre e soltanto sui soliti noti, è bene che chi di dovere ne tragga le ovvie conclusioni.

Aspettiamo ancora un barlume di lucidità politica che illumini chi porta su di sé la massima responsabilità delle condizioni di vita di milioni di lavoratori e milioni di disoccupati, o di senza lavoro.

Ma il procrastinarsi di un inutile ed anzi dannoso attendismo non porterà da nessuna parte, se non a gravi disequilibri sociali che nessuno si augura.

Lascia un commento

I campi con * sono obbligatori