Archive: » 2011 » dicembre

Giorgio Bocca, cronista dell’Italia liberata dalla Resistenza al nuovo millennio

"NELL'ITALIA liberata prima ci disarmarono, parlo di noi partigiani, e poi ci chiesero di tenere in qualche modo in piedi la baracca dello Stato. A me, che avevo comandato una divisione di Giustizia e Libertà, offrirono, a scelta, un posto da vicequestore o da sindaco. Dissi che preferivo un posto da giornalista a GL, l'edizione torinese di Italia Libera, il quotidiano del Partito d'Azione a Torino". Nel fiume sterminato della vita professionale di Giorgio Bocca è raro trovare lezioni di uno che si impanca a maestro di giornalismo. C'è questo momento fondamentale: il partigiano Bocca che, deposte...

Continua a leggere

Natale Resistente

Se per Natale o per l'anno nuovo state pensando ad un regalo resistente, che sia etico e portatore sano di valori democratici e repubblicani, quest'anno l'Anpi di Gallarate ha prodotto il suo CALENDARIO FOTOGRAFICO, disponibile al prezzo di 12.00 euro; Ma se pensate a qualcosa di più originale, sono disponibili le ultime T SHIRT "Resistenza" create in occasione della Festa Provinciale e ancora disponibili in quantità limitata, al prezzo di 8.00 euro. L'intero ricavato andrà a coprire i costi e a sostenere economicamente le attività dell'Associazione, attività rivolte alla salvaguardia...

Continua a leggere

Orazione ufficiale Luciano Zaro 2011

di seguito il testo dell'orazione ufficiale alla commemorazione di Luciano Zaro a cura del pres. Anpi Gallarate Michele Mascella Oggi ricorre il 67° anniversario del tragico episodio che mise fine alla giovane vita di Luciano Zaro, in circostanze ormai acclarate dove emerge la violenza gratuita e barbara di chi materialmente ne aveva perseguito lo scopo. Perché non fu un incidente, né un errore: fu omicidio. Luciano Zaro aveva, quella sera del 24 Novembre 1944, vent’anni da poco compiuti, e da quel che ne sappiamo, era un ragazzo esuberante e sportivo, tant’è che si guadagnò una importante...

Continua a leggere

Sui recenti fatti di sangue

I gravissimi episodi di violenza accaduti, quasi in rapida successione, prima a Torino e poi a Firenze, quest’ultimo tragicamente conclusosi con una vera e propria strage, dovrebbero far riflettere tutti coloro che con troppa ed a volte inconsapevole leggerezza non hanno piena coscienza della pericolosa deriva antidemocratica che quei comportamenti, fin troppo tolleranti, stanno insinuando nel nostro vivere civile. Quando si chiede alle Istituzioni democratiche di intervenire, sia pure con annunci o prese di posizione collettive, rappresentanti del più comune sentire, contro tale deriva, costellata...

Continua a leggere

Festa del Tesseramento 2011

Care e cari compagne/i, amici tutti dell’ANPI, in ossequio a quella che è ormai una consolidata tradizione della nostra Sezione, vi invitiamo a partecipare alla       FESTA DEL TESSERAMENTO DOMENICA 18 DICEMBRE 2011 ALLE ORE 10.30 presso la Sede in via Madonna in Campagna 10/a che sarà anche occasione, come sempre, per uno scambio di auguri, ma soprattutto per rinnovare l’adesione all’Associazione, ritirando la propria TESSERA 2012 che quest’anno, non a caso è dedicata a tre principi fondamentali cui l’Anpi dedica le proprie energie: COSTITUZIONE DEMOCRAZIA DIRITTI L’incontro...

Continua a leggere

Varese Garibaldi e Urban, nel 1859

Esiste, tra il primo Risorgimento italiano e la Resistenza, un nesso ideale che è costituito dalla generosa partecipazione popolare ai Principali moti patriottici ed unitari del nostro Paese. Anche se la storiografia “ufficiale” italiana ha sempre cercato di ridurre la partecipazione popolare al primo Risorgimento ad un fatto episodico, tendendo ad accentrare l’interesse sull’abilità diplomatica di alcuni statisti, numerosi sono i documenti che ci consentono di rintracciare e ricostruire il valore della partecipazione popolare al moto risorgimentale. Uno di questi documenti è indubbiamente...

Continua a leggere

No all’abolizione della Festa del 25 Aprile

Numerose proteste per la volontà del governo Berlusconi di abolire alcune festività laiche tra cui il 25 aprile (oltre al 1° maggio, festa dei lavoratori, e al 2 giugno, quella della Repubblica), ossia la giornata che celebra e ricorda la liberazione dell'Italia dai nazifascisti e il ritorno della dmocrazia. Da qui una netta presa di posizione del Comiatato nazionale dell'Anpi. "Da quanto si apprende dai giornali - si rileva nel comunicato - tra i provvedimenti che il Governo si accinge ad adottare - in relazione all'aggravarsi della crisi - ci sarebbe quello dell'accorpamento di alcune feste...

Continua a leggere