verbali e relazioni congressuali

Intorno alla Protezione Civile

Lettera aperta

Ai responsabili della Protezione Civile

Agli organi di stampa 

Il 9 Aprile dell’anno scorso, immediatamente a ridosso della tragedia che aveva colpito l’Abruzzo con il devastante terremoto di cui tutti sappiamo, l’ Anpi di Gallarate decise nella sua totale autonomia di devolvere subito una modesta ma significativa somma di denaro in favore delle popolazioni così duramente colpite dal sisma, e lo fece con il giusto entusiasmo intrinseco ad azioni di questo tipo. Così allora esprimeva la sua partecipazione al dolore generale: 

  L’Anpi di Gallarate, sensibile al dramma causato dal terremoto che ha colpito l’Abruzzo e le sue popolazioni, nella consapevolezza che solo un grande sforzo collettivo di tutto il Paese potrà in parte lenirne le sofferenze, partecipa concretamente con una piccola somma (ma proporzionata rispetto alle sue capacità di spesa) a questo sforzo, contribuendo così nei fatti all’avvio della risoluzione degli immensi problemi della ricostruzione dei territori devastati. La somma è già stata versata ad un sito istituzionale della Protezione Civile appositamente predisposto.

A margine, l’Anpi avverte tutti i responsabili organizzativi della ricostruzione, tecnici e politici, che vigilerà sui modi e sui tempi di tale impresa, non risparmiando eventuali osservazioni e critiche sul loro operato.

p. l’Anpi Gallarate

M. Mascella

Gallarate, 10 Aprile 2009”

Oggi, alla luce delle cronache che disegnano un fosco quadro dell’ Istituzione (Protezione Civile) alla quale molti hanno creduto opportuno affidare il proprio contributo, l’ Anpi di Gallarate, al di là delle risultanze delle indagini in corso da parte della Magistratura sul ruolo del Commissario e Sottosegretario Bertolaso, chiede la restituzione della somma versata, per destinarla ad altri siti di più certa ed accreditata fiducia. 

Il Presidente Anpi Gallarate 

M. Mascella 

Gallarate, 13 Febbraio 2010

 ___________________

In data 25 Febbraio 2010 ho ricevuto tramite e-mail quanto appresso:

“In riferimento alla Vs. lettera di cui all’oggetto, per ottemperare alla procedura di restituzione della somma da Voi versata (€ 200,00), in data 09/04/2009 sul ns. c/c postale n. 95863023 acceso per la raccolta fondi “pro-Abruzzo”, con la presente Vi chiediamo di espletare le seguenti formalità al fine di conservare agli atti la corretta documentazione:

1) richiesta su carta intestata e firmata dal legale rappresentante e non per posta elettronica (per avere riferimenti per la protocollazione);

2) documento dal quale si evince il nominativo del legale rappresentante della Vs. Associazione;

3) fotocopia del documento di riconoscimento del suddetto rappresentante;

4) indicazione delle coordinate bancarie nonché l’intestazione, sulle quali effettuare il bonifico di restituzione.  In attesa di riscontro alla presente, si resta comunque a disposizione per qualsivoglia chiarimento o ragguaglio.”

Rag. Ernesto AITELLA

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dipartimento Protezione Civile

Ufficio Ammnistrazione e BilancioServizio affari finanziari Via Vitorchiano, 4  –  00189 – RomaTel. 06 68 20 43 12  –  Cell. 320 4 32 61 70email:ernesto.aitella@protezionecivile.it

p.s.: In merito a quanto sopra, è convocato il Direttivo di Sezione per decidere il da farsi per Mercoledì 3 Marzo 2010

___________________

dal Verbale Direttivo Mercoledì 3 Marzo 2010

Estratto dal Verbale:

1.      Tutti i convenuti hanno espresso, diversamente argomentandola, la loro opinione sul 1° punto all’o.d.g., ritenendo necessario accedere al rimborso della somma a suo tempo devoluta alla Protezione Civile, ed affidando al Presidente l’espletamento della procedura relativa, secondo le indicazioni ricevute dalla stessa Prot.ne Civ.; pertanto il parere espresso è risultato unanime, pur con la puntualizzazione del Presidente sulla opportunità o meno di limitarsi ad una reprimenda senza chiedere l’effettivo rimborso. Elia Fasoli suggerisce la possibilità di devolvere la somma (aumentandola) direttamente al Sindaco de l’Aquila, a mezzo di una delegazione Anpi che si rechi sul posto; Corrado Colombo propone invece di affidarla ad una sede Anpi vicina. Scartata la prima ipotesi, si dà mandato al Presidente di verificare la possibilità della seconda proposta. Si informa che la richiesta, RR PT, è già stata inoltrata in data odierna.

Gallarate, 04 Marzo 2010

di seguito la lettera RR PT inviata alla Protez. Civ. per richiesta restituzione somma versata:

Gent.mo Rag. Aitella, 

accedendo alla procedura di restituzione della somma versatavi come da vs. e-mail del 25 Febbraio 2010, ed in ottemperanza della Delibera assunta dal Direttivo di Sezione della nostra Associazione, tenutosi appositamente il 3 Marzo c.a., allego alla presente la documentazione richiesta e, qui sotto, l’indicazione delle coordinate bancarie e l’intestazione sulle quali effettuare il bonifico di restituzione. 

A margine di quanto sopra, intendo comunque precisare che resta immutata la stima, mia personale e dell’Associazione che presiedo, nei confronti di tutti gli operatori della Protezione Civile, che diuturnamente prestano la loro opera con abnegazione e spirito di sacrificio, distinguendo in modo netto la loro attività da altre responsabilità sulle quali tuttora la Magistratura sta indagando. 

Le porgo pertanto i più cordiali saluti ed auguri di buon lavoro, che vorrà estendere a tutti i suoi collaboratori.

Gallarate, 4 Marzo 2010

p. il Direttivo di Sezione                                                                                 

il Presidente                                                                                        

Michele Mascella