Archive: » 2009 » giugno

La scomparsa di Ivan Della Mea

È morto Ivan Della Mea il cantautore del lavoro di Stefano Miliani Nel 1966 Ivan Della Mea scrisse una canzone che iniziava così: “O cara moglie stasera ti prego, / di' a mio figlio che vada a dormire / perché le cose che io ho da dire / non sono cose che deve sentire. / Proprio stamane là sul lavoro, / con il sorriso del caposezione / mi è arrivata la liquidazione, / mi han licenziato senza pietà. / e la ragione è perché ho scioperato”. Ve la riportiamo perché a 69 anni, all'ospedale San Paolo di Milano, il cantautore nonché poeta, scrittore, uomo appassionato del destino degli...

Continua a leggere

I cittadini europei hanno il diritto di scegliere il Governo dell’Europa

Come era ampiamente previsto l’astensionismo in queste elezioni europee del 2009 è aumentato: siamo scesi al 43% circa dei votanti, una continua discesa dal 62% della prima elezione del 1979 che aveva suscitato tanto entusiasmo perché gli europei attribuivano al ‘loro’ Parlamento (il primo Parlamento soprannazionale della storia) un ‘ruolo costituente’, il mezzo che ci avrebbe portato agli Stati Uniti d’Europa. Se invece l’astensionismo cresce e, di più, aumentano i voti dei partiti ‘euroscettici’e xenofobi (possono contare ora su una cinquantina di parlamentari) deve esserci...

Continua a leggere

Enrico Berlinguer. Ieri, oggi e domani

Crediamo opportuno riproporre qui, come omaggio doveroso al grande leader non solo del PCI ma dell’intero Movimento dei Lavoratori (così come ancora in quegli anni di grandi speranze veniva denominato tutto il mondo del lavoro), l’intervista da lui rilasciata ad Eugenio Scalfari e relativa alla “questione morale”: inutile aggiungere come per più parti sembra attuale, come fosse stata dettata in questi giorni. Supponiamo (con inderogabile certezza) non fosse frutto di premonizioni, ma di acuto senso politico e della grande capacità dell’indimenticato dirigente comunista di cogliere...

Continua a leggere

Riflessione sulla Shoah

Riceviamo e pubblichiamo Riflessione sulla Shoah La Shoah è l’orrore di un regime ateo costruito sull’odio e sulla violenza. È impossibile negare l’uccisione d milioni di Ebrei!   Questo, in estrema sintesi, uno dei passaggi chiave del discorso di Benedetto XVI, tenuto all’aeroporto di Tel Aviv lo scorso 15 maggio a conclusione del suo viaggio in Terra Santa.   È proprio in questo pellegrinaggio, infatti, che il papa ha voluto ribadire la sua netta contrarietà al negazionismo della Shoah, sostenuto da alcuni vescovi lefebvriani, da poco rientrati nella Chiesa Cattolica. Ma come...

Continua a leggere